Xiaomi Redmi Note 4X, la recensione con ROM Global Developer!

0

Xiaomi Redmi Note 4X è il nuovo smartphone Android di fascia media del produttore cinese, che va a raccogliere l’eredità di Redmi Note 4. Sebbene sia disponibile sul nostro shop già da qualche mese, abbiamo aspettato che fosse disponibile la ROM Global Developer. Lo smartphone ci ha piacevolmente stupido durante i nostri test. Ecco come si comporta Xiaomi Redmi Note 4X nell’utilizzo di tutti i giorni!

Confezione di vendita

Box di vendita come al solito scarno. All’interno troviamo un alimentatore 5V/2A, un cavo USB-microUSB e la solita manualistica in cinese.

Costruzione e design

Lo smartphone è molto simile (se non uguale) allo Xiaomi Redmi 4: display da 5,5 pollici fullHD, chassis in alluminio unibody con finitura opaca e vetro 2.5D. Frontalmente campeggiano tre tasti soft-touch retroilluminati.

Il dispositivo ha anche un sensore biometrico per la scansione delle impronte digitali, posto sul retro al di sotto della fotocamera principale. A destra trovano posto il tasto di accensione e il bilanciere del volume, in alto invece il jack da 3,5mm, il trasmettitore ad infrarossi e il microfondo secondario; a sinistra troviamo invece il carrellino per le SIM e in basso due griglie per il microfono principale e lo speaker di sistema ed il connettore MicroUSB. Il retro vede ora l’inserimento di due bande in policarbonato, per migliorare la ricezione delle antenne.

Xiaomi Redmi Note 4X pesa 175 grammi; dimensioni di 151 x 76 x 8,35 mm.

Hardware

Scheda tecnica:

  • Display: 5,5” full HD con vetro 2.5D, 72% NTSC color gamut, contrasto 1000:1
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 625 a 2 GHz con GPU Adreno 506
  • RAM: 3 o 4 GB
  • Memoria interna: 32 o 64 GB eMMC 5.0 espandibile
  • Fotocamera posteriore: 13 megapixel
  • Fotocamera frontale: 5 megapixel
  • Connettività: hybrid dual SIM (micro+nano/microSD), LTE, Wi-Fi 802.11 ac, Bluetooth 4.1, GPS + GLONASS
  • Batteria: 4.100 mAh
  • OS: Android 7.0 Marshmallow con MIUI 8

Xiaomi Redmi Note 4X è caratterizzato da un display IPS 2.5D da 5,5 pollici con risoluzione fullHD (1920×1080 pixel). La dotazione hardware include poi un processore Snapdragon 625 che garantisce ottime performance abbinate ad una gestione delle risorse parsimoniosa. Non male la resa dei colori del pannello, forse un po’ slavati. Ovviamente, in questa fascia di prezzo non possiamo chiedere di meglio. Migliorati gli angoli di visuale, sebbene i neri tendenti un po’ al bianco.

Fotocamera

Convince – in parte – il comparto fotografico. Lo smartphone monta sul retro un sensore da 13 megapixel, mentre sul fronte il modulo è da 5 megapixel, entrambi con apertura f/2.0. Il software è il classico di Xiaomi, con la possibilità di applicare filtri in tempo reale e anche selezionare alcune modalità di scatto.

Gli scatti realizzati da Redmi Note 4X sono buoni in condizioni di buona luce, mentre troppo rumorosi con scarsa luminosità. Stesso discorso per la fotocamera frontale. I video si possono realizzare in fullHD. Manca la stabilizzazione ottica, e la messa a fuoco è piuttosto lenta.

Autonomia

La batteria è da 4100 mAh, non removibile. Lo smartphone garantisce un’autonomia da record, grazie alla grande ottimizzazione del sistema operativo e al processore Snapdragon 625 – probabilmente il più equilibrato in questo primo semestre 2017. Nei nostri test, Redmi Note 4X ci ha sempre portato a fine giornata, garantendo quasi 9 ore di display attivo.

Peccato per l’assenza della ricarica rapida: con l’alimentatore da 5V / 2A compreso in confezione ci vogliono più di 2 ore per ricaricare completamente lo smartphone.

Software e prestazioni

Xiaomi Redmi Note 4X è basato su Android 7.0 Nougat, con UI proprietaria MIUI 8 in versione developer – comunque molto stabile sebbene sia una beta. Il dispositivo integra la lingua italiana e i servizi Google. Ecco la nostra guida per installare la ROM Global su Xiaomi Redmi Note 4X:

Xiaomi Redmi Note 4X o Qualcomm Edition installazione rom Globale

Nessun problema con le notifiche, sempre precise e puntuali. A bordo della Global troviamo poche app preinstallate, comunque disinstallabili. Non manca poi la modalità non disturbare, la modalità semplificata, la possibilità di personalizzare i tasti touch e la modalità ad una mano.

Per il resto, la solita MIUI, sempre priva di drawer delle applicazioni. Al suo interno troviamo la modalità Lite, dove la UI viene semplificata per accontentare i più anziani, e la modalità bambino per i più piccoli. Abbiamo apprezzato la presenza del doppio tocco per risvegliare lo schermo, considerando che il lettore di impronte è sulla parte posteriore del dispositivo.

Meritano menzione, infine, Second Space, che permette di avere un secondo sistema completamente indipendente dal primo, e Dual Apps che consente di utilizzare due istanze di una stessa app – feature molto comoda soprattutto per le app di messaggistica.

Conclusioni

In conclusione, Xiaomi Redmi Note 4X è promosso, ma non a pieni voti. Lo smartphone offre un design curato, buone prestazioni e autonomia sopra la media. Da rivedere la fotocamera, migliorabile – forse – con un aggiornamento software.

Lo smartphone ha comunque un rapporto qualità/prezzo eccellente e si candida a best buy dell’anno. Chi cerca un dispositivo senza fronzoli, affidabile e dalla grande autonomia non può non tenerlo in considerazione.

Pro

  • Costruzione e design
  • Prezzo
  • Autonomia
  • Hardware
  • MIUI 8

Contro

  • Fotocamera
  • Assenza di ricarica rapida
  • Assenza NFC
  • Assenza di OIS

Pagella

Batteria: 10
Display: 7
Camera: 7
Performance: 8
Software: 9
Design: 8.5

Dove acquistarlo

Xiaomi Redmi Note 4X è disponibile nel nostro shop con spedizione gratuita DHL Europe e nessun costo di dogana, con 24 mesi di garanzia.

Share.

About Author