Xiaomi Mi 5 vs Huawei P9: il confronto

5

Xiaomi Mi 5 e Huawei P9: due smartphone top gamma Android che diversi per filosofia, per design e sopratutto per hardware. La ratio di questo confronto non è stabilire non qual è il migliore, ma illustrarne pregi e difetti, così da aiutarvi a scegliere il più adatto alle vostre esigenze.

Per scoprire di più sui due smartphone vi consigliamo poi di leggere le nostre recensioni complete:

  • Xiaomi Mi 5 (QUI)
  • Huawei P9 (QUI)

Costruzione e Hardware

Xiaomi Mi 5 e Huawei P9 hanno dimensioni simili: 144.6 x 69.2 x 7.3 mm per lo Xiaomi contro i 145 x 70.9 x 6.95 mm di Huawei. Mi 5 presenta un retro completamente in vetro stondato dual-edge e frame laterale in alluminio, mentre il P9 è realizzata interamente in metallo con un particolare effetto di sabbiatura. Entrambi gli smartphone sono costruiti in maniera impeccabile, sono comodi da utilizzare ma leggermente scivolosi per via dei materiali.

Non c’è molto da aggiungere relativamente all’hardware, descritto in maniera approfondita nelle recensioni complete. Xiaomi Mi 5 e Huawei P9 integrano due chip completamente differenti per filosofia e prestazioni.

Xiaomi Mi 5 è caratterizzato da un SoC Snapdragon 820, quad-core con due core Kryo a 1,6 GHz e due core Kryo a 1,8 o 2,15 GHz – a seconda della versione. Il processore scelto per P9 è un HiSilicon Kirin 955 octa-core con processo produttivo a 16nm FinFET Plus con quattro core Cortex-A72 da 2.5GHz, quattro Cortex-A53 da 1.8GHz ed un co-processore di movimento i5, La GPU è una ARM Mali-T880.

Le performance sono ottime in entrambi gli smartphoe, non vanno mai in stress e soprattutto non scaldano. Punteggi differenti su Antutu (91.711 punti per P9 e 114.771 per Mi 5) con la GPU Adreno 530 di Mi 5 che è di gran lunga superiore alla Mali T880 di P9, la quale soffre nelle sessioni di gioco con dettagli al massimo – per metterli alla prova abbiamo testato titoli impegnativi come Modern Combact 5 e Real Racing 3.

Discreto anche l’audio dello speaker, tutti e due ne montano uno solo in basso, sulla parte destra. A connettività il quadro è completo su entrambi, ma manca la banda 20 del 4G LTE su Xiaomi Mi 5.

Entrambi gli smartphone sono caratterizzati dalla presenza di un sensore biometrico per le impronte digitali; in P9 è allocato sul retro ed in grado di rilevare anche la profondità delle impronte digitali, per una maggiore precisione e sicurezza. In Mi 5 è posto sulla parte frontale, integrato nel pulsante fisico centrale. Sono entrambi veloci e precisi, ma quello di P9 è più “smart”.

xiaomi-mi-5-vs-huawei-p9 (2)

Fotocamera

Xiaomi Mi 5 monta sul retro una fotocamera da 16 megapixel f/2.0 con pixel larghi 1.12 µm, stabilizzazione ottica a 4 assi e doppio flash LED. Huawei P9, come noto, integra un doppia fotocamera posteriore realizzata con Leica: la fotocamera standard da 12 megapixel ha un sensore Sony IMX286 con pixel da 1.25um (micrometri). Il secondo sensore è monocromatico, da 12 megapixel e riesce a catturare un’immagine con il 300% in più di luminosità ed il 50% di contrasto.

L’interfaccia di scatto è più intuitiva e facile da utilizzare sullo Xiaomi. La qualità degli scatti è di gran lunga superiore su Huawei P9, sia di giorno che di notte. Purtroppo per Xiaomi, Huawei si conferma uno dei punti di riferimento nel settore fotografico Android grazie alla partnership a lungo termine con Leica.

Potete visionare tutti gli scatti dei due smartphone nelle rispettive recensioni complete (link in alto).

Software

Su Xiaomi Mi 5 troviamo MIUI 7 basata su Android 6.0 Marshmallow, contro la EMUI 4.1 di P9. I due software sono molto simili e distanti dall’esperienza Android pensata da Google. La MIUI è pensata per il mercato cinese, mentre la EMUI è un software internazionale, con la presenza della lingua italiana.

Le performance offerte dai due terminali sono ottime. Le memorie UFS 2.0 dello Xiaomi Mi 5 permettono però di avere una maggior velocità di apertura e installazione delle app, ma nell’uso quotidiano non si percepisce alcuna differenza.

Autonomia

Entrambi gli smartphone vedono inserita una batteria da 3000 mAh e in quanto ad autonomia sono praticamente alla pari – merito della grande ottimizzazione software. Con un uso medio-intenso si arriva a circa 4 ore e mezza di display.

xiaomi-mi-5-vs-huawei-p9 (3)

Conclusioni

Xiaomi Mi 5 e Huawei P9 sono i rispettivi top gamma dei due maggiori produttori cinesi, con una differenza di prezzo davvero ridotta. Come detto ad inizio confronto, i prodotti sono espressione di due diverse filosofie: da un lato Mi 5 integra il tanto atteso chip Qualcomm Snapdragon 820 e, dall’altro, P9 l’ottimo Hi-Silicon Kirin 955 realizzato in casa. Due approcci molto diversi (uno è un quad-core mentre l’altro octa-core), ma che garantiscono identica autonomia e prestazioni – nell’utilizzo di tutti i giorni – comparabili.

Noi quale consigliamo?

Huawei P9, che è l’unico ad essere ufficialmente commercializzato nel mercato europeo, con un software adatto a quelle che sono le nostre esigenze. Discorso diverso invece per lo Xiaomi Mi 5, con un software prevalentemente orientato a quello che è il mercato cinese. Ok, si possono installare varie ROM (ad esempio la Global Dev. o quella di Xiaomi.eu – trovate tutto nella recensione completa) ma è un’operazione che non è alla portata di tutti gli utenti.

Entrambi gli smartphone possono essere acquistati presso il nostro store, con spedizione dall’Asia o dall’Europa (consegna garantita in 48 ore) e due anni di garanzia con ritiro a domicilio.

Share.

About Author