iPhone 8 ha provocato una carenza a livello mondiale di DRAM e NAND chip

0

Secondo l’ultimo report di Reuters, Apple sembrerebbe essere al comando per la produzione di DRAM e NAND chip, provocando non pochi problemi a molti concorrenti Android.

Quest’anno Apple dovrebbe presentare tre device: iPhone 7s, iPhone 7s Plus e iPhone 8, il quale dovrebbe costare circa 999 dollari. A questo si va a sommare il fatto che, stando a quando affermato da alcuni analisti di High Street, Apple dovrebbe vendere, entro la fine dell’anno fiscale 2018, circa 100 milioni di iPhone 8. Si stima inoltre che Apple acquisterà circa il 18% delle scorte mondiali di chip NAND per i suoi iDevice.

LG, ad esempio, ha dovuto siglare accordi in anticipo al fine di garantire una fornitura stabile di DRAM e NAND chip. Huawei, invece, sembrerebbe essere la prima “vittima” di iPhone 8, in quanto costretta a utilizzare per il suo top gamma P10 diversi chip di memoria – eMMC 5.1, UFS 2.0 e 2.1. Samsung ha annunciato che il suo Galaxy S8 utilizza esclusivamente memorie di tipo UFS 2.1, ma alcuni speed test hanno confutato tale affermazione.

Il problema riguarderebbe anche i sensori fotografici, con Sony costretta a dare priorità ad Apple ed altri tre marchi importanti.

Share.

About Author