In viaggio con Xiaomi Mi8: Test Batteria GPS Camera e Connettività

0

Quale miglior occasione di stressare come si deve uno smartphone di un bel viaggetto all’estero? Quest’anno lo Xiaomi Mi8 me lo sono portato a Parigi. Curiosi di sapere com’è andata?

Sono tante le caratteristiche di uno smartphone, ma in viaggio 4 aspetti la fanno da padrone:

  • Batteria
  • Connettività
  • GPS
  • Comparto fotografico

Xiaomi Mi8: Premessa

Il Mi8 utilizzato monta la versione developer della MIUI 10 EU alla versione 8.8.16 quindi alcuni comportamenti “anomali” potrebbero dipendere dalla versione NON STABLE di tale sistema.

Se ti interessa la guida per installare la MIUI 10 in Italiano sullo Xiaomi Mi8 puoi dare un occhiata qui.

Xiaomi Mi8: Test Batteria

In realtà mi ero organizzato bene questa volta e, per non saper nè leggere nè scrivere, mi sono portato a Parigi ben 2 powerbank. Un powerbank da 10.400 e uno da 16.000 ovviamente della Xiaomi.
Come si dice… “Melius est abundare quam deficere”.

Powerbank Xiaomi 10400

Ho avuto modo di notare che il consumo della batteria del device è stato molto lineare senza picchi di drain assurdi e questo è un PRO in quanto si evita di vedersi crollare la batteria da un momento all’altro magari in prossimità del controllo dei biglietti (che ovviamente mica stampo.. :-p).

Le mie giornate sono cominciate quasi tutte la mattina presto, intorno alle 6-7 del mattino, orario in cui staccavo il Mi8 dal caricabatterie, lo infilavo nella borsa a tracolla e via…in nuove, fantasmagoriche avventure.

Il collegamento del telefono alla powerbank di turno avveniva in genere intorno alle 17:00 (quindi dopo 10 ore di utilizzo intenso).

Ora, 10 ore in roaming estero entrando e uscendo dalla Metro con utilizzo pesante di Google Maps con GPS, circa 4 ore di display acceso e applicazioni PUSH tutte attive… non è male!

Mi sarei aspettato qualcosa di più, lo ammetto. Ma alla fine si è difeso abbastanza bene.

Voto batteria: 7/10

Xiaomi Mi8: Test Connettività

Qui cominciano le prime perplessità da condividere però con il nuovo gestore telefonico Iliad .
Sono passato a Iliad all’inizio di Agosto e dalle primissime prove la copertura del nuovo operatore mi è sembrata discretamente capillare. Sono stato in Abruzzo, in Veneto, nel Lazio, in Basilicata e in tutte le regioni (sarà fortuna) ma la copertura mi è sembrata sufficientemente buona. Anche nei momenti di viaggio tra una località e l’altra non ho avuto particolari problemi.

Fatta questa doverosa premessa…come si è comportato a Parigi?

Appena giunto in Francia il Mi8 si è immediatamente collegato all’operatore Orange FR in H+ e la navigazione a primo acchitto è risultata abbastanza veloce e fluida (scordatevi il 4G…ma per qualche giorno chissene…)

Ma muovendomi lungo la senna e scoprendo Parigi in ogni suo anfratto mi sono trovato più e più volte ad avere indice di massima copertura (5 tacche H+) e di non riuscire a navigare. Connessione muta!

Anche Google MAPS indicava “Sei OFFLINE” ma qui ci torneremo più avanti.

A farmi venire ancora di più le crisi epilettiche è il fatto che lo stesso operatore (Iliad) ce l’ha anche mia moglie e sul suo “vecchiotto” Xiaomi Mi5 che, al contrario del mio Mi8 NON ha la banda 20, la copertura era SEMPRE reale. Anche con 1 o 2 tacche lei riusciva a navigare e spesso mi sono dovuto umiliare e, con il Mi8 in mano, chiedere a lei di cercarmi delle cose su internet. 🙁

Questa cosa mi ha fatto inpazzire fino al penultimo giorno quando entrando nelle impostazioni di rete ed entrando nella selezione manuale delle reti ho notato che Iliad in Roaming a Parigi si collegava a 2 reti principali: una certa “Free qualcosa” e “Orange FR”. Forzando come unica rete “Orange FR” problemi di connettività non ne ho più avuti (l’avessi scoperto prima) e questo mi ha fatto pensare al fatto che, probabilmente, Free fosse l’unica rete a viaggiare su banda 20 ma probabilmente con qualche problema di abbinamento a scheda Iliad.

Prima di scoprire il Trick della rete forzata al Mi8 volevo dare 4 come voto di connettività ma, presupponendo che il problema derivi, come detto, da una mancata comunicazione tra gestore Iliad e Free Mobile francese, il voto sale e, memore del fatto che sia uno dei primi Xiaomi con B20 (speriamo che in futuro continuino a farli tutti così), il mio voto è il seguente:

Voto connettività: 7/10

Xiaomi Mi8: Test GPS

Prima di dirvi la mia esperienza guardate questo video:

Lo Xiaomi Mi8 è equipaggiato di un sistema DUAL GPS. Oltre alla frequenza GPS tradizionale (chiamata L1) il Mi8 lavora anche sulla frequenza L5 (in genere utilizzata dall’areonautica). Questo dovrebbe, sulla carta (e in base al video non solo), garantire una precisione nettamente superiore rispetto ad altri dispositivi GPS e una velocità di FIX elevatissima.

Ora la mia esperienza:

Senza fare troppi giri di parole ho avuto non pochi problemi di corretto posizionamento del GPS durante i miei spostamenti a Parigi. Google Maps continuava a dirmi che ero OFF LINE (per i motivi detti in precedenza) e questo comportava un mancato FIX del GPS. (Perchè???)

Ogni tanto sembrava fixare, per poi dirmi che stavo a 800 metri da dove stavo effettivamente (e nel calcolo del miglior percorso cittadino è una scocciatura).

Nella giornata di sabato (prima del trick della rete di cui abbiamo parlato in precedenza) stavo per fiondare il telefono nella SENNA.

Solo dopo aver installato un SW di controllo e fixing del segnale GPS mi sono accorto che il GPS NON FUNZIONAVA PROPRIO! Io continuavo a posizionarmi sulla mappa solo ed esclusivamente in A-GPS (localizzazione assistita da connessione mobile) e, dato che la connessione andava e non andava, vi lascio immaginare il disagio.

Solo dopo qualche riavvio il GPS ha ricominciato a funzionare e il FIXING a quel punto era molto più veloce e il posizionamento più preciso.

A voler essere quindi generosi vorrei imputare il mancato funzionamento del sistema GPS a qualche “piccolo” BUG della MIUI 10 developer da me installata. Spero che sistemino.

Ma una volta riattivati i satelliti il posizionamento era davvero così preciso? Lascio giudicare voi.

La precisione non è mai scesa sotto i 4 metri andando spesso sui 6 o 8 metri di precisione.
Per intenderci, per il satellite, io mi potevo trovare in un punto qualsiasi all’interno di un area di raggio 4,6,8m.

Premettendo che per un sistema di navigazione standard tale precisione va più che bene…non penso che tale livello di precisione sia tale da poter fare quanto visto nel video senza lasciare sui muretti entrambe le fiancate dell’auto e guidare a quel punto a “orecchio”.

Voto del sistema GPS: 6/10

Mi aspettavo moooolto di più!

Xiaomi Mi8: Test Fotocamera

Finalmente arriviamo alla ciliegina. Oggi come oggi…chi si porta più una compata in giro per fare le fografie? Se sei un fotografo o aspirante tale ti porti una reflex, se no hai lo smartphone.

In questo caso con il Mi8 si va sul sicuro.

Ho fatto tantissime foto, all’aperto e al chiuso. Nei parchi e nei musei (ps. a Parigi nei musei si può fotografare cosa si vuole! 🙂 ).

Non sono un fotografo nè un tecnico dell’immagine quindi non mi dilungherò in paroloni come ISO, tempi di esposizione, focale, ecc..
Vi dico solo che del comparto fotografico sono contento. Ci sono margini di miglioramento ma ci siamo!

Tutte e 3 le fotocamere si sono comportate bene.

Le due posteriori da 12mpx mi hanno permesso di fare delle buone foto anche zummate in maniera ottica a 2X. Quella anteriore da 20mpx cattura molta luce e permette di fare ottimi selfie anche con scarse condizioni di luce.

Vi lascio alcuni scatti fatti. Mi piacerebbe che nei commenti esprimeste qualche parere anche più tecnico del mio sulla qualità delle foto.

Ah già…il voto:

Voto fotocamera: 9/10

Galleria fotografica

Siete interessati ad acquistare lo Xiaomi Mi8? andate qui.

Share.

About Author

Sono un appassionato di tecnologia praticamente da sempre. Articolista, recensore, distruttore di smartphone per eccellenza. Ho nel cuore la tecnologia made in Cina e un posticino tutto suo ce l'ha il brand Xiaomi ma non disdegno tutto ciò che è design e innovazione.